divider

Video

Aeron riprogettata

Scopriamo la nuova seduta Aeron con il co-designer Don Chadwick
Guarda il video

Design correlati

Regolazioni di Aeron

Come regolare e utilizzare la seduta per ottenere i massimi livelli di stabilità e comfort.
Guarda il video

Sostenibilità ambientale

Descrizione

La storia narrata di nuovo

La storia narrata di nuovo

Mentre la sua classica forma è rimasta in gran parte inalterata, la seduta Aeron è stata interamente riprogettata per rispondere alle esigenze del lavoro di oggi. Con l'aiuto del co-designer originale, Don Chadwick, l'abbiamo attentamente aggiornata in base alle più recenti ricerche sulla scienza della seduta, ai nuovi materiali disponibili, alle nuove tecnologie e tecniche produttive.

Rielaborata per le prestazioni di oggi

Dal debutto di Aeron, nel 1994, in Herman Miller abbiamo imparato molto su come meglio sostenere le persone nelle varie posture che adottano durante l'intera giornata lavorativa. Nella nuova seduta abbiamo integrato due decenni di miglioramenti tecnologici ed ergonomici, per perfezionarne il design amico della salute e ampliarne la gamma di prestazioni. Con aggiornamenti che includono un meccanismo di tilt più raffinato, il PostureFit SL regolabile e la sospensione Pellicle 8Z, la nuova Aeron ha le prestazioni migliori di sempre, così che anche le vostre possano esserlo.

Il ruolo delle zone

Pellicle, l'innovativa sospensione in elastomero della seduta Aeron originale, eliminava i punti di pressione che causavano restrizioni nella circolazione e arrivava ai limiti del design dei materiali. La nuova Pellicle 8Z consente di utilizzare i materiali in otto diverse zone. Sedile e schienale, insieme, prevedono otto zone laterali di varia tensione (più rigida ai bordi e più morbida nei punti di contatto con il corpo) che avvolgono l'utente migliorando il comfort e il sostegno ergonomico.

Una costante freschezza

Eliminando schiuma e tessuto, Aeron ha risolto uno dei problemi più sgradevoli legati a una prolungata posizione seduta: la formazione di calore e umidità vicino al corpo. Pellicle permette all'aria, al calore corporeo e al vapore acqueo di passare attraverso il sedile e lo schienale, contribuendo a mantenere confortevole e costante la temperatura epidermica. Mentre molte sedute hanno adottato la rete come soluzione per ottenere migliori prestazioni, esiste un'unica Pellicle.

Una postura da mantenere

Se un corpo attivo trova la sua configurazione più forte in posizione eretta, con il petto disteso e il bacino leggermente inclinato in avanti, ha senso che questa sia la migliore posizione anche da seduti. Ed è esattamente qui che entra in gioco PostureFit SL. Singoli cuscinetti regolabili stabilizzano l'osso sacro e sostengono la regione lombare della colonna per riprodurre una sana postura eretta.

Comfort combinato

Tutti i miglioramenti della nuova Aeron sono stati pensati affinché intervengano insieme in modo da sostenere adeguatamente la forma umana. I sistemi PostureFit SL e Pellicle 8Z rappresentano un nuovo livello di competenza ergonomica e un sostegno all'avanguardia per migliorare l'esperienza dell'utente. Insieme, creano un sostegno completo per la colonna vertebrale: un sostegno calcolato e localizzato che sposta il sistema scheletrico in una posizione tale da garantire un supporto ottimale alla colonna. Questo si ottiene sia quando la persona è ferma sia quando si muove, in modo da offrire un sostegno più attivo.

Controllo della reclinazione

Rimanere fermi nella stessa posizione riduce la naturale azione di pompaggio dei muscoli, che inviano nutrienti ai dischi intervertebrali. Il meccanismo di tilt della seduta Aeron si muove insieme al corpo in modo così naturale che l'utente può passare in modo intuitivo da una postura orientata in avanti a una reclinata. L'attuale meccanismo di tilt, più agile e moderno, permette all'utente un'esperienza di movimento (e di stasi) ancora più confortevole, grazie alla traiettoria più fluida e al punto di equilibrio ottimale. Aeron è pensata per mantenere l'utente a contatto con lo schienale, consentendogli il controllo del continuo movimento in tutte le opzioni di reclinazione.

Semplici cambiamenti di postura

La nuova Aeron permette di passare dalla posizione eretta a quella completamente reclinata in modo semplice e agevole. Sebbene il design originale prevedesse numerose posizioni e posture, l'angolo del telaio è stato spostato in avanti di 1,8 gradi per meglio sostenere il corpo sia nella posizione eretta che in un più ampio intervallo di posture. Che l'utente sia spostato in avanti, per scrivere o concentrarsi, oppure completamente reclinato per conversare o rilassarsi, troverà che la nuova seduta Aeron si muove con lui, senza difficoltà, offrendo il corretto sostegno ergonomico per una più ampia gamma di attività.

Un design amico della salute

Con Aeron, Stumpf e Chadwick dimostrarono che una seduta non è solo un oggetto inerte su cui sedersi, ma una risorsa per chi la utilizza.

Un design dalle prestazioni assolute

Per chi si siede su una Aeron, design dalle prestazioni assolute significa che la seduta favorisce l'ampia gamma di attività e di posture che le persone adottano quando lavorano: da quella in avanti, adatta alla concentrazione, a quella più reclinata e rilassata. Per i designer e le organizzazioni, la molteplicità di prestazioni rende Aeron adatta per un'ampia gamma di configurazioni lavorative, dalle postazioni di lavoro dedicate ai laboratori condivisi.

Design inclusivo

Per quanto riguarda le sedute, non esiste una dimensione universale. In base a un approccio di design "dalle estremità al centro", Aeron è disponibile in tre dimensioni, per garantire un'adattabilità inclusiva anziché esclusiva, garantendo lo stesso comfort alla più ampia gamma di somatotipi di qualunque altra seduta.

Design sensibile agli ambienti

La seduta Aeron è stata progettata pensando al suo impatto sull'ambiente in cui viene collocata e, più in generale, sull'ambiente che fornisce le risorse per la sua realizzazione.

Una Aeron del tutto nuova

Attraverso centinaia di prototipi, test e iterazioni, siamo giunti a tre espressioni di materiali, olistici e altamente curati. Graphite è quello più scuro, la versione moderna della Aeron originale. Carbon offre una neutralità equilibrata che si adatta altrettanto bene sia agli ambienti freddi sia a quelli caldi. Mineral è quello più leggero, ideale per i moderni uffici "open space".

Creata mediante un esclusivo processo di verniciatura, la finitura in alluminio satinato di Aeron richiama in modo elegante l'idea di una sofisticata apparecchiatura elettronica. I colori sono stati scelti per armonizzarsi con gli altri componenti della seduta. Ogni dettaglio contribuisce a formare un insieme armonico.

Storia del design

Progettata da Bill Stumpf e Don Chadwick, 1994

Quando i designer Bill Stumpf e Don Chadwick pensarono di creare una seduta che fosse insieme amica del benessere, che offrisse prestazioni diversificate, che fosse dimensionata in modo inclusivo e sensibile agli ambienti, giunsero a un design diverso da tutto ciò che il mondo aveva visto fino ad allora. Aeron ha rappresentato una svolta pionieristica nell'ergonomia e nell'innovazione dei materiali, offrendo una soluzione confortevole senza il tradizionale utilizzo di schiuma, tessuto o pelle. Ha cambiato la percezione delle persone di che cosa potesse essere una seduta da ufficio, riuscendo contemporaneamente a ritagliarsi un posto nella cultura popolare.

Riprogettata da Don Chadwick, 2016

Venendo al presente, gli stessi criteri sono alla base di una Aeron completamente nuova. Proprio come i classici del cinema e della musica vengono aggiornati per nuovi media, nuovi standard e un nuovo pubblico, Aeron è stata rivisitata in base alle più recenti ricerche di Herman Miller sulla scienza della seduta, ai nuovi materiali disponibili, alle nuove tecnologie e tecniche produttive e al mondo del lavoro di oggi.

Oggi, l'ufficio del 1994 sarebbe quasi irriconoscibile. Con tutte le modifiche che si sono succedute, ha perfettamente senso che anche Aeron sia cambiata per meglio rispondere alle esigenze del lavoro, dei lavoratori e dei luoghi di lavoro di oggi.

divider